Pubblica un annuncio di lavoro

Cosa fa un
Assistente Sociale?

Clicca qui per vedere tutti gli annunci per Assistente Sociale su neuvoo.it.
Altri nomi utilizzati per questa posizione: Assistente Sociale Collaboratore, Assistente Sociale Coordinatore, Assistente Sociale del Lavoro, Assistente Sociale Familiare, Assistente Sociale Medico-Ospedaliero, Assistente Sociale Medico-Psico-Pedagocico, Assistente Sociale per Minori, Assistente Sociale Psichiatrico

Descrizione

L'Assistente sociale opera nella prevenzione delle situazioni di disagio e di emarginazione sociale di singole persone, nuclei familiari e particolari categorie di soggetti (minori, adolescenti, anziani, tossicodipendenti, handicappati, immigrati), progetta e realizza soluzioni alle problematiche sociali con l'obiettivo di valorizzare l'autonomia e favorire l'integrazione sociale. Individua e censisce le situazioni di bisogno su segnalazione degli altri operatori sociali (insegnanti, medici, forze dell'ordine, magistrati). Prende contatto con la persona che si trova in difficoltà, analizza la problematica, identifica gli strumenti disponibili sul territorio più idonei alla soluzione del caso e definisce il percorso da seguire con il soggetto preso in carico, anche in équipe multidisciplinari con altri professionisti (psicologi, psichiatri, amministratori pubblici, ecc). Stabilisce e mantiene il contatto tra il destinatario dell'intervento e i servizi territoriali competenti e coordina l'attività svolta dalle strutture e/o servizi nelle azioni di sostegno e di recupero della persona. Monitora l'andamento del percorso ed interviene per modificarlo quando lo ritiene necessario. Segnala inoltre alle autorità giudiziarie i casi che rientrano nelle loro competenze: abusi, abbandoni, affidamento di detenuti ai servizi sociali.


L'Assistente Sociale può operare nei servizi e nelle strutture che si occupano di tutela socio-sanitaria, consulenza alle scuole, assistenza ospedaliera, tutela della salute mentale, assistenza ad handicappati ed anziani, tutela della maternità e paternità (consultori), cura e riabilitazione per tossicodipendenti e alcolisti, case di accoglienza per donne e bambini maltrattati. Lavora prevalentemente con contratto di lavoro dipendente, il cui accesso è condizionato dal superamento di un concorso pubblico, mentre la libera professione non è molto diffusa. L'attività viene svolta principalmente sul territorio, raccogliendo le istanze dei soggetti più deboli, classificandole per urgenza, per arrivare successivamente al raccordo con le altre figure professionali.[1]

Principali Responsabilità

Ecco una lista parziale di alcuni dei compiti più comuni per un Assistente Sociale.


  • Fornire assistenza ad individui, famiglie e comunità con problematiche di natura fisica o mentale:
  • fornire assistenza a persone tossicodipendenti e/o vittime di abusi e violenze;
  • fornire supporto ed indicazioni per superare situazioni di discriminazione o emarginazione sociale;
  • informare e consigliare la comunità in tema di salute;
  • lavorare con strutture che si occupano di tutela socio-sanitaria;
  • sostenere e riabilitare minori e adulti negli istituti correttivi.
  • Effettuare colloqui con minori e adulti per verificarne le problematiche;
  • raccogliere informazioni sul background personale degli individui intervistati;
  • mantenere la documentazione delle informazioni ottenute;
  • valutare le necessità degli individui e seguirne i progressi.
  • Collaborare con altri professionisti quali Psicologi, Psichiatri, Infermieri ecc., per stabilire i trattamenti necessari:
  • condividere le informazioni con i colleghi per valutare meglio le situazioni;
  • lavorare in squadra per valutare le esigenze degli assistiti;
  • Progettare e realizzare processi d'aiuto:
  • definire gli interventi socio-assistenziali, anche sperimentando soluzioni innovative di servizi e strumenti di lavoro;
  • progettare servizi ed attività in risposta a situazioni di vulnerabilità o disagio a favore di singoli, famiglie, gruppi, promuovendone le risorse personali e sociali e favorendone l'autonomia;
  • collaborare con l'autorità giudiziaria (Tribunale Civile, Penale e Minorenni, Giudice Tutelare) per segnalazione e gestione del caso.
  • Verificare gli interventi d'aiuto:
  • monitorare gli interventi per verificarne l'efficacia;
  • Costruire reti territoriali:
  • sviluppare reti integrate di servizi e soggetti chiave sul territorio;
  • aprire “canali di comunicazione” tra cittadini, responsabili delle istituzioni, soggetti pubblici e privati che hanno la possibilità di governare i processi di cambiamento della società;
  • promuovere l'organizzazione di gruppi di volontariato, associazioni, cooperative, gruppi di auto/mutuo-aiuto.

Attività Quotidiane

  • Svolgere colloqui con individui, gruppi e famiglie.
  • Verificare il background e la situazione sociale degli individui.
  • Favorire e promuovere la formazione di gruppi di mutuo-aiuto, associazioni e cooperative.
  • Fornire assistenza e supporto ai propri assistiti.
  • Mantenere la documentazione riguardante i progressi e gli sviluppi degli assistiti.
  • Investigare casi di abusi o violenze domestiche e riportarli alle autorità competenti.
  • Aprire “canali di comunicazione” tra cittadini, responsabili delle istituzioni, soggetti pubblici e privati che hanno la possibilità di governare i processi di cambiamento della società.
Stipendio
0 €

La ricerca Assistente Sociale non ha prodotto alcun risultato in termini di stipendio.

Suggerimenti di ricerca:

- Prova con parole più generiche
- Controlla l'ortografia
- Sostituisci le abbreviazioni con la parola intera

0 €
0 €
0 €
Differenza nello stipendio in base alla località
Competenze e Qualifiche Richieste
  • Eccezionali qualità interpersonali e comunicative:
  • comunicare in modo chiaro e sicuro, sia in forma orale che scritta, al fine di fornire consigli precisi;
  • comunicare usando tatto, pazienza e buonsenso per mantenere relazioni collaborative;
  • avere grande propensione all'ascolto e saper identificare facilmente i problemi e le difficoltà degli individui;
  • saper lavorare efficacemente in squadra.
  • Forte senso di empatia e compassione:
  • dimostrare sensibilità nei confronti delle esigenze delle persone;
  • dimostrare la capacità di prendersi cura degli altri;
  • essere in grado di lavorare in ambienti multiculturali, rispettando gli individui di qualsiasi provenienza, estrazione sociale e background culturale.
  • Ottimismo, entusiasmo, positività e capacità di motivare gli altri.
  • Alti livelli di creatività ed immaginazione, iniziativa, flessibilità e capacità di leadership:
  • sapersi adattare a frequenti cambiamenti;
  • usare creatività ed immaginazione per sviluppare nuove idee ed applicare nuove soluzioni ai problemi.
  • Ottime capacità organizzative ed amministrative:
  • rispettare il budget nell'organizzazione di attività ed eventi;
  • organizzare attività di gruppo;
  • monitorare lo svolgimento delle attività.
    • Capacità analitiche, di problem-solving e risoluzione dei conflitti:
    • saper trasformare le idee in obbiettivi concreti.
    • Intuizione e capacità decisionali:
    • usare il buonsenso, saper indirizzare gli individui presso le risorse appropriate, in base alle esigenze.
    • Eccezionale professionalità e senso etico:
    • essere sufficientemente affidabili per gestire informazioni confidenziali.

Per esercitare la professione è necessario conseguire almeno il diploma di laurea triennale in Scienze del Servizio Sociale, che permette l'acquisizione di 180 Crediti Formativi Universitari (CFU). La frequenza alle lezioni è obbligatoria così come le attività pratico-formative e di tirocinio presso enti pubblici, associazioni, cooperative sociali, onlus. Dopo il conseguimento del diploma di laurea triennale è possibile proseguire gli studi universitari iscrivendosi ad un master di primo livello oppure ai corsi di laurea specialistica in Programmazione e Politica dei Servizi Sociali o in Sociologia (che consentono l'iscrizione alla sezione degli Assistenti Sociali Specialisti dell'albo professionale). Con il titolo di laurea specialistica è possibile frequentare master di II livello e dottorati di ricerca. Per esercitare la professione di assistente sociale è necessario iscriversi all'Albo degli Assistenti Sociali, come previsto dalla Legge 23 Marzo 1993 n. 84, istitutiva del relativo ordine professionale.


Rispetto alle prospettive di carriera l'assistente sociale può diventare, dopo un lungo periodo di esperienza, Coordinatore Sociale e successivamente Direttore dei Servizi Sociali e Direttore Coordinatore. Per svolgere queste funzioni è necessario avere conoscenze e abilità in campo amministrativo, oltre che organizzativo e socio-assistenziale. L'attività professionale autonoma può essere esercitata in forma collettiva, nell'ambito di uno studio associato con altri professionisti con diverse competenze (psicologi, psichiatri, ecc.) oppure in forma individuale come consulente tecnico (perito) del tribunale, previa iscrizione all'Albo dei Consulenti Tecnici d'Ufficio/Assistenti Sociali del Tribunale.[2]

Offerte di Lavoro
Al momento ci sono 57 offerte di lavoro per la posizione di Assistente Sociale su neuvoo.it. Qui sotto puoi trovare la lista degli annunci disponibili per le aree metropolitane più popolate in Italia
Referenze