Pubblica un annuncio di lavoro

Cosa fa un
Chimico?

Clicca qui per vedere tutti gli annunci per Chimico su neuvoo.it.
Altri nomi utilizzati per questa posizione: Chimico Industriale, Chimico Farmaceutico, Perito Chimico, Chimico Tessile, Operaio Chimico, Chimico Addetto Fusori, Chimico Agrario, Chimico Commerciale, Chimico Dei Materiali, Chimico Di Laboratorio, Chimico Formulatore, Chimico Galvanico, Chimico Junior, Ingegnere Chimico

Descrizione

Il Chimico conduce ricerche ed analisi a supporto di operazioni industriali, sviluppo di prodotti e processi, controllo qualità, controllo atmosferico, diagnosi e trattamenti medici, biotecnologie, nanotecnologie ed altre applicazioni. Conduce inoltre ricerche teoriche, sperimentali ed applicate all'interno di processi chimici e biochimici per creare o sintetizzare nuovi prodotti e processi. Il Chimico lavora in laboratori di ricerca, sviluppo e controllo qualità; industrie chimiche, petrolchimiche e farmaceutiche; industrie minerarie, siderurgiche e cartarie; ed una grande varietà di altre strutture tra cui manufatturiere, sanitarie, scolastiche e governative.


Molti Chimici lavorano alla ricerca di base ed applicata. Nella ricerca di base, i Chimici indagano le proprietà, la composizione e la struttura delle materie. Inoltre sperimentano la combinazione degli elementi e l'interazione tra questi. Nella ricerca applicata i Chimici indagano le possibilità di creare nuovi prodotti e di migliorare quelli già esistenti. La ricerca chimica ha portato alla scoperta ed allo sviluppo di nuovi e migliori medicinali, plastiche, detergenti e migliaia di altri prodotti; è un lavoro altamente tecnico che richiede molte ore di ricerca e sperimentazione.


I Chimici spesso si specializzano in un particolare ramo della materia. Le specializzazioni più comuni sono in Chimica organica, inorganica, farmaceutica, fisica e teorica. Ad ogni modo, un crescente numero di Chimici lavora in campi interdisciplinari come la biochimica e la geochimica.

Principali Responsabilità

Ecco una lista parziale, non esaustiva, di alcuni dei compiti più comuni per un Chimico.


  • Analizzare, sintetizzare, purificare, modificare e caratterizzare composti chimici e biochimici:
  • condurre ricerche al fine di sviluppare nuove formule e processi chimici ed ideare nuove applicazioni tecniche di prodotti chimici industriali e composti;
  • condurre ricerche di base o applicate nella sintesi e proprietà dei composti chimici e nei meccanismi delle reazioni chimiche;
  • preparare campioni da testare, preparare ed utilizzare varie attrezzature e strumenti di laboratorio.
  • Sviluppare e condurre programmi di analisi per garantire il controllo della qualità di materie prime, intermedi chimici o dei prodotti finiti:
  • eseguire analisi analitiche per assicurare che i prodotti rispettino gli standard richiesti, utilizzando tecniche di chimica analitica strumentale e chimica a umido, secondo varie specifiche;
  • garantire che le linee di produzione realizzino prodotti entro i limiti delle specifiche, analizzando i campioni in lavorazione tramite una varietà di test e procedure, prendendo provvedimenti nel caso i risultati non rispettassero i limiti previsti;
  • garantire risultati accurati che rispettino le specifiche, coerentemente con le Norme di Buona Fabbricazione (NBF), le Buone Pratiche di Laboratorio (BPL), le politiche interne ed i requisiti normativi;
  • verificare tutti i calcoli per l'accuratezza matematica ed analitica.
  • Condurre ricerche per scoprire, sviluppare, perfezionare e valutare nuovi prodotti:
  • partecipare alla commercializzazione dei nuovi prodotti, se necessario.
  • Indagare gli aspetti chimici dei meccanismi di azione dei farmaci, di diagnosi e trattamenti delle malattie, delle funzioni degli organi e di valutazione della salute.
  • Partecipare a ricerche interdisciplinari e progetti di sviluppo in collaborazione con ingegneri chimici, biologi, microbiologi, agronomi, geologi ed altri professionisti del settore:
  • fornire consulenze tecniche nel particolare settore di competenza;
  • istruire scienziati e tecnici sulle corrette procedure di lavorazione chimica e test, come ad esempio su ingredienti, tempi di miscelazione e temperature di funzionamento;
  • supervisionare altri chimici, tecnici e tecnologi.
  • Mantenere la documentazione, compresi quaderni di laboratorio e registri delle attrezzature, secondo le SOP (dall' acronimo inglese di Standard Operating Procedures):
  • riesaminare, valutare ed interpretare dati analitici per assicurare che il lavoro sia svolto secondo standard, protocolli, metodi e specifiche.
  • Mantenere le aree di lavoro pulite ed ordinate, rimuovendo i rifiuti, pulendo ed eliminando sostanze chimiche/reagenti scadute.
  • Ordinare sostanze chimiche o forniture di laboratorio, quando richiesto.
  • Eseguire la manutenzione preventiva necessaria e la calibrazione delle attrezzature di laboratorio per assicurarne il corretto funzionamento ed ottenere sempre risultati affidabili:
  • contattare i produttori ed organizzarne il servizio in caso di malfunzionamento delle attrezzature.
  • Rispettare tutti gli standard di salute e sicurezza previsti.

Attività Quotidiane

  • Eseguire analisi chimiche e fisiche di routine su tutti i campioni previsti, secondo i metodi dell'azienda o dei clienti.
  • Preparare soluzioni, composti e reagenti per le procedure di laboratorio.
  • Mantenere e qualificare la strumentazione analitica e risolvere eventuali problemi.
  • Pianificare e sviluppare complessi progetti di ricerca, come lo sviluppo di nuovi prodotti e metodi di verifica.
  • Dirigere tecnici ed altri collaboratori nel testare ed analizzare i componenti e le proprietà fisiche dei materiali.
  • Analizzare sostanze per determinarne la composizione e la concentrazione di elementi.
  • Eseguire test su materiali ed altre sostanze per assicurare che gli standard di qualità e sicurezza vengano sempre rispettati.
  • Redigere rapporti tecnici.
  • Sottoporre i risultati delle ricerche a scienziati, ingegneri ed altri colleghi.
Stipendio
36 826 €

Lo stipendio medio per Chimico è 36 826 € all'anno o 19 € all'ora. Questo è circa 2.3 volte di più dello stipendio medio del paese. Gli stipendi per questa posizione partono da 26 000 € e per professionisti con esperienza arrivano fino a 52 000 € Questi risultati sono basati su 43 stipendi estratti dalle descrizioni degli annunci di lavoro.

36 826 €
52 000 €
26 000 €
Competenze e Qualifiche Richieste
  • Eccezionali capacità direttive.
  • Conoscenza delle Buone Pratiche di Laboratorio (BPL), delle Norme di Buona Fabbricazione (NBF) e delle SOP (dall' acronimo inglese di Standard Operating Procedures).
  • Eccellenti doti interpersonali e comunicative:
  • comunicare in modo chiaro, sia in forma verbale che scritta, al fine di creare un ambiente positivo con i collaboratori di laboratorio;
  • essere in grado di leggere e scrivere relazioni tecniche ed effettuare presentazioni;
  • saper lavorare all'interno di una squadra.
  • Abilità analitiche, di risoluzione dei problemi e pensiero critico:
  • identificare e risolvere problemi in modo tempestivo ed adeguato;
  • essere precisi ed accurati nelle proprie analisi, in quanto eventuali errori potrebbero invalidare le ricerche;
  • determinare che i risultati derivino da solide basi scientifiche.
  • Abilità organizzative, di gestione del tempo e grande attenzione ai dettagli:
  • evitare la disorganizzazione sul lavoro in quanto potrebbe portare problemi legali, danni alle attrezzature e dispersione di sostanze chimiche;
  • essere in grado di lavorare in modo indipendente in un ambiente frenetico;
  • gestire vari progetti con scadenze serrate;
  • saper stabilire priorità e responsabilità in modo adeguato.

L'occupazione come Chimico richiede, a seconda dell'impiego: il diploma da perito e la laurea triennale per impieghi da tecnico o la laurea magistrale per impieghi di maggiore responsabilità, che sono la maggior parte di quelli da chimico; per la carriera presso le università e gli enti di ricerca pubblici è importante il dottorato di ricerca. Per esercitare in Italia come libero professionista è necessaria l'iscrizione all'albo dei chimici.[1]


Nell'albo professionale dell'ordine dei chimici sono istituite la sezione A e la sezione B. Agli iscritti nella sezione A spetta il titolo professionale di chimico, mentre agli iscritti nella sezione B spetta il titolo professionale di chimico junior. L'iscrizione nella sezione A è subordinata al superamento di apposito esame di Stato. Per l'ammissione all'esame di Stato è richiesto il possesso della laurea specialistica in una delle seguenti classi: Scienze Chimiche, Scienze e Tecnologie della Chimica industriale, Farmacia e Farmacia Industriale. Per quanto riguarda la sezione B è richiesto il possesso della laurea in Scienze e Tecnologie chimiche o Scienze e Tecnologie farmaceutiche[2]


L’Europa conferisce ai professionisti della chimica, la qualificazione di Chimico Europeo (EurChem), rilasciata dal Comitato per l'Iscrizione del Chimico Europeo (CICE/ECRB). Tale titolo può essere assegnato solo a coloro i quali siano iscritti alle Organizzazioni di Chimici che fanno parte del CICE/ECRB (In Italia il Consiglio Nazionale dei Chimici e la Società chimica Italiana). Esso richiede inoltre il possesso di titoli accademici e di esperienza professionale accertati. L’obiettivo è quello di attestare che il soggetto così qualificato possieda un elevato livello di competenza, tecnica e pratica, così da facilitare la mobilità internazionale dei Chimici e favorirne l'equo trattamento a livello Europeo.[3]


I Chimici utilizzano computer ed una grande varietà di sofisticate strumentazioni di laboratorio per modellazione, simulazione ed analisi sperimentale. Ad esempio alcuni Chimici utilizzano software di modellazione 3D per studiare la struttura e le proprietà di molecole complesse. Devono inoltre essere in grado di utilizzare strumenti analitici di base per generare dati, inclusi la gascromatografia-spettrometria di massa (GC-MS), la spettroscopia ultravioletta/visibile (o spettroscopia UV-Vis), la cromatografia liquida ad alta prestazione (HPLC), la spettroscopia in trasformata di Fourier, dissoluzione, osmometro, misuratori di pH, viscosimetro ed analizzatori di TOC (carbonio organico totale).


I Chimici lavorano generalmente in laboratori ed uffici, dove conducono esperimenti e ne analizzano i risultati. Lavorano inoltre in strutture industriali manufatturiere e sono solitamente responsabili per il monitoraggio delle condizioni ambientali all'interno dello stabilimento.

Offerte di Lavoro
Al momento ci sono 3324 offerte di lavoro per la posizione di Chimico su neuvoo.it. Qui sotto puoi trovare la lista degli annunci disponibili per le aree metropolitane più popolate in Italia
Referenze